UK e auto driverless: un’altra occasione perduta?

C'è una nazione che ha capito e che, per ben lungimirante scelta di politica industriale vera ha deciso di essere prima nello sviluppo, applicazione e diffusione dell'auto driverless.
Come con grande evidenza appare dalle dichiarazioni riportate nell’articolo di cui all’indirizzo (https://www.gov.uk/government/news/uk-government-fast-tracks-driverless-cars), questo significa Governare e creare le basi per la crescita di un paese. 

C'è qualcuno dalle nostre parti che ascolta, o lasciamo il nostro futuro nelle mani di burocrati ministeriali che nemmeno autorizzano l'uso degli autovelox?

Per comodità del lettore, segue una nostra rapida traduzione dell’articolo in questione.

Vince Cable, segretario allo sviluppo e innovazione, ha annunciato 2 nuove misure che consentiranno l’introduzione delle auto a guida automatica sulle strade del Regno Unito dal Gennaio 2015.

Le città britanniche possono concorrere per ospitare, con un finanziamento di 10 milioni di sterline, un test per le auto driverless. Il governo sta cioè chiedendo alle città di unirsi agli enti di ricerca e sviluppo per avanzare la propria candidatura a diventare un field test.

Saranno 3 le città selezionate per ospitare il progetto la cui durata sarà dai 18 ai 36 mesi, a partire dal Gennaio 2015.

I Ministeri hanno anche avviato la revisione delle attuali regole di circolazione stradale per garantire un appropriato regime normativo per testare l’auto driverless e assicurare in tal modo al Paese una posizione di avanguardia nello sviluppo di tale tecnologia.

Sono due le tipologie di veicolo dalle nuove norme: auto che prevedono la presenza di un autista specializzato che possa riprendere il controllo del veicolo e auto a guida totalmente autonoma senza guidatore.

Il segretario Vince Cable, parlando dal centro di ricerca dove ha testato con il Ministro della ricerca scientifica Greg Clark un prototipo di auto driverless, ha detto:

“L’eccellenza dei nostri scienziati e ingegneri  ha messo, attraverso progetti pilota,  la Gran Bretagnanella posizione di pioniere dello sviluppo dei veicoli driverless. Con l’iniziativa che abbiamo annunciato potremo vedere le auto driverless circolare nelle nostre strade entro 6 mesi, spingendoci all’avanguardia in questa tecnologia innovativa e aprendo nuove opportunità per la nostra economia e la nostra società.

Attraverso la strategia industriale promossa dal governo stiamo aiutando il settore automotive a rafforzarsi sempre di più. Stiamo creando un ambiente adatto a favorire gli investimenti e a creare posti di lavoro a di elevata specializzazione “   

Il Ministro dei Trasporti  Claire Perry ha detto:

“L’auto driverless ha un enorme potenziale di trasformazione delle reti di trasporto britanniche; può migliorare la sicurezza, ridurre la congestione e ridurre le emissioni, in particolarela CO2.

Siamo determinati a fare in modo che l’auto driverless possa sviluppare tale potenziale, e per questo stiamo attivamente rimuovendo gli ostacoli regolatori e creando il contesto necessario per poter testare tali veicoli sulle nostre strade”.

Il Ministro della Ricerca Scientifica ha detto:

“La Gran Bretagnaè brillantemente posizionata per guidare l’evoluzione mondiale verso la tecnologia driverless.

Questo grazie alla compresenza di posizioni di forza dei settori automotive, satellitari, informatici e della progettazione urbanistica, e con un enorme beneficio potenziale per l’occupazione futura e i consumatori.”

Iain Gray,  CEO dell’Agenzia dell’Innovazione Britannica, il Technology Strategy Board, ha detto:

Questa competizione per i finanziamenti potenzialmente può individuare il Regno Unito come centro mondiale per lo sviluppo e la sperimentazione di veicoli driverless in ambienti urbani reali, contribuendo ad approfondire la nostra comprensione dell'impatto sugli utenti della strada e, più in generale, sull’intera società.

La possibilità di testare auto driverless in situazioni reali, unitamente alle competenze uniche del Regno Unito nelle tecnologie di trasporto e nella pianificazione urbana, attirerà anche ulteriori investimenti, contribuendo al formarsi di nuove filiere di progettazione e produzione,  pilotando la crescita economica del Regno Unito.

L’iniziativa sulle auto driverless è stata finanziata dal Dipartimento dello sviluppo economico (Department for Business, Innovation and Skills) e dal Dipartimento dei Trasporti, in collaborazione con l'Agenzia dell’Innovazione, il Technology Strategy Board.

I progetti accolti dovranno dimostrare di essere finanziariamente sostenibili e devono garantire una  la stretta collaborazione con partner come centri di ricerca tecnologica, produttori e fornitori.”

Il responsabile tecnico commerciale di MIRA Dr Geoff Davis ha detto:

“Accogliamo con grande favore l'annuncio fatto oggi da Vince Cable, dalla nostra parte nell’incoraggiare ulteriori avanzamenti tecnologici e rafforzare l’eccellenza dell’ingegneria britannica.

I nostri 10 anni di esperienza nello sviluppo di soluzioni di auto driverless con positive applicazioni nei campi della difesa e della sicurezza, nonché di sistemi cooperativi applicati al trasporto su strada ci portano a lavorare su una serie di progetti già avanzati che esplorano le potenzialità delle auto driverless in sistemi collegati e cooperativi.”

Share